Packaging è un progetto a carattere pubblicitario dove l’essere umano è il prodotto.

Nasce dall’urgenza di indagare le dinamiche interrelazionali all’interno di un sistema che ci vede confrontare attraverso la nostra “confezione”; frutto di un imprinting

sovrastrutturale che altera l’essenza originaria, inquinando il dialogo.

L’uso del lettering in funzione creativa, dà il titolo alle immagini, in luogo della sigla brand o del payoff. 

Il prezzo da pagare è il compromesso della libertà d’essere.